In Comunicati stampa

Almeno 175.000 persone colpite dal terremoto avranno a disposizione acqua potabile

Bonn, 28 gennaio 2010 – In arrivo aiuti “solari” ad Haiti per alleviare le sofferenze di coloro che sono stati colpiti dall’immane tragedia del terremoto. SolarWorld AG, infatti, gruppo leader mondiale nella produzione di energia solare, ha donato ad Haiti pannelli fotovoltaici per azionare pompe in sistemi di depurazione dell’acqua. I lavori di installazione sono già iniziati termineranno nell’arco di qualche giorno. La donazione permetterà ad almeno 175.000 persone, nel territorio devastato dal terremoto, di disporre di acqua potabile.

Per l’installazione, SolarWorld sta collaborando con l’organizzazione non-profit Water Missions International (WMI), entità con cui l’azienda già collaborava da tempo. WMI, infatti, prima del terremoto, aveva richiesto a SolarWorld AG la fornitura di impianti ad energia solare per alimentare 25 stazioni per la depurazione dell’acqua. Anche una clinica medica nella città haitiana di Boucan-Carré era stata recentemente dotata di un sistema ad energia solare.

Attualmente, le stazioni installate, sono in grado di aiutare le persone coinvolte nel disastro naturale.“Questo terremoto, che ha causato migliaia di vittime, mi ha profondamente e personalmente colpito. Amici e conoscenti dei nostri colleghi statunitensi sono fra i dispersi. Le nostre preghiere sono per tutti loro”, dice Frank H. Asbeck, Presidente e Amministratore delegato di SolarWorld AG. “Quello che riteniamo debba essere fatto ora è portare aiuti sul posto”.

Grazie ai propri siti di distribuzione e produzione situati negli Stati Uniti, SolarWorld AG può rendere disponibili i suoi prodotti nel più breve tempo possibile. Questa iniziativa si inserisce all’interno del programma Solar2World attraverso il quale il Gruppo sostiene le organizzazioni impegnate nell’aiuto ai paesi in via di sviluppo, fornendo sistemi ad energia solare che assicurano l’immediata fornitura di elettricità indipendente dalla rete di distribuzione e dai carburanti fossili.

Scrivi il tuo commento