In Dentro alla comunicazione, Internet e dintorni, Ufficio stampa

Esiste davvero la comunicazione, cosiddetta, verde, ovvero quella della sostenibilità, delle energie rinnovabili? Queste tematiche vanno comunicate in modo diverso dal resto?

Sicuramente c’è qualcosa che va messo in evidenza. Sono molte le aziende che affermano di essere sostenibili, ma quante lo sono davvero? Allo stesso modo, è diffusa la confusione su quali siano i corretti comportamenti sostenibili, i prodotti e le normative verdi.

Una volta che un’azienda ha messo in chiaro questi punti, con presentazioni di dati e fatti, sta comunicando ‘verde’.

1. uscire dalla confusione

quanta confusione c’è sui media riguardo alle fonti rinnovabili, ai loro usi e alla legislazione che li regola? come individuare una fonte attendibile? Un’azienda che può riportare dati, facilmente comprensibili e ricerche fatte da fonti autorevoli, ha un’ottima base per fare capolino nella confusione

2. sono verdi anche i nuovi media

i nuovi media vanno maggiormente sfruttati dalle aziende per arrivare al consumatore.  E’ obbligo apparire nei media, nei social network , nei sistemi di microblogging e nelle community. Solo così il consumatore saprà dove trovare le aziende e dialogare con loro. Solo così il rapporto di fiducia e la brand awareness crescono.

3. comunicare è essenziale per un’azienda

quanto detto sopra non significa che gli ‘antichi’ metodi di comunicazione non vadano più bene, anzi.  Il principio base è quello di sempre: se non si comunica (con qualsiasi mezzo) non si è conosciuti e non si arriva al consumatore.

 

Scrivi il tuo commento